Un framework completo e innovativo per il Fraud Management

In collaborazione con SAS, OTP Bank ha implementato una soluzione che integra diverse tecniche e strumenti, inclusa la Social Network Analysis, che verifica il comportamento e l’attendibilità dei clienti su diversi canali e sistemi per prevenire potenziali attività fraudolente all’origine del credito.

Negli ultimi anni, l’aumento delle truffe creditizie, dovuto allo sviluppo dei nuovi canali digitali e alla maggiore sofisticazione delle tecniche di frode, sta mettendo sotto pressione il settore finanziario; implementare una soluzione in grado di restituire analisi veloci e affidabili sul comportamento dei clienti, con una visibilità incrociata su diversi conti e sistemi, è un must competitivo per qualsiasi istituto bancario.

OTP Bank, il più grande gruppo bancario indipendente dell’Europa centrale-orientale, con oltre 13 milioni di clienti, 1400 filiali e 4000 sportelli bancomat, rappresenta un pioniere e una punta d’eccellenza rispetto aila concorrenza, grazie a un progetto di fraud management realizzato in collaborazione con SAS.

“Fondata nel 1949 - racconta Zoltan Zsolt Nagy, Head of Department, Analysis and Modelling Department, Credit Approval and Risk Management Division della banca - OTP è il principale operatore di settore in Ungheria e, grazie a una serie di acquisizioni di successo condotte negli anni passati, oggi vanta una presenza importante in altri otto Paesi della regione dell’Europa centro- orientale”.

Recentemente, il gruppo bancario ungherese ha sperimentato un aumento delle frodi creditizie, con conseguenti danni economici e possibili ripercussioni sulla competitività dei prodotti.

A partire dall’analisi dei dati, oggi conosciamo chi sono i nostri clienti e qual è il loro comportamento di acquisto. Questa conoscenza ha cambiato il nostro comportamento sia di comunicazione sia di vendita, con un impatto molto forte e concreto sulla definizione dei nostri obiettivi commerciali.

Oltre la prevenzione tradizionale

“Prima di concedere un nuovo credito – spiega Nagy - dobbiamo essere in grado di identificare il grado di solvibilità del cliente e il rischio di frode.

Ovviamente applicavamo già tecniche di prevenzione, come lo scorecard, ma stavamo cercando qualcosa di più efficace e innovativo, ad esempio un sistema che permettesse anche l’analisi delle reti di relazioni; eravamo quindi alla ricerca di un fornitore che potesse soddisfare le nostre esigenze”.

Al termine della software selection dei partner, che ha preso in considerazione sia player globali sia nazionali, SAS è stata scelta per la flessibilità della soluzione e una serie di plus quali la disponibilità di un gruppo di supporto locale coadiuvato da esperti internazionali, l’esperienza positiva maturata in precedenza con SAS e la dimestichezza degli utenti con la tecnologia e le soluzioni SAS già in uso nella banca.

Approccio ibrido alla fraud detection

In particolare, il progetto, avviato lo scorso novembre, ha riguardato l’implementazione di SAS Fraud Management per le attività antifrode e SAS Visual Analytics per l’attività di reporting.

La soluzione utilizza un approccio analitico ibrido alla fraud detection che ottimizza la riduzione dei falsi positivi, integrando le ultime misure antifrode, modelli statistici avanzati, analisi di tipo deterministico e associativo grazie all’utilizzo di SAS Social Network Analysis che, gestendo link e associazioni tra le controparti e i vari elementi, evidenzia, partendo dai singoli casi segnalati, i comportamenti fraudolenti di maggiore rilevanza.

Il sistema genera automaticamente una serie di alert basati su regole di business e regole analitiche e le mette a disposizione in real-time agli analisti per verificare le potenziali attività fraudolente, insieme ai dettagli investigativi. Tutti i casi analizzati e il risultato della fase investigativa vengono storicizzati all’interno dell’Intelligent Fraud Repository e resi disponibili ai modelli analitici per migliorarne le performance.

Velocita di analisi e visualizzazione

“La velocità di analisi - commenta Nagy - è un fattore indispensabile per la nostra attività: il sistema deve essere in grado di restituire immediatamente i risultati sulla situazione del cliente al fine di prendere decisioni più rapide e affidabili sull’eventuale erogazione del prestito. É inutile affidarsi a soluzioni estremamente sofisticate se hanno tempi di elaborazione troppo lunghi, perché si rivelerebbero del tutto inefficaci”.

Secondo Nagy i fattori particolarmente apprezzati della soluzione sono la capacità di integrarsi con il sistema “loan origination” di OTP (il manager segnala, infatti, tra le maggiori difficoltà di progetti così complessi, la comunicazione tra le diverse tecnologie in ambienti multi-vendor) e la componente di visualizzazione, che “permette di scendere facilmente nell’analisi di dettaglio” e di essere impiegata agevolmente anche da personale non tecnico. Oltre al gruppo IT, SAS viene utilizzato dagli addetti alla sicurezza che si occupano della fraud detection, dagli investigatori che decidono quali crediti approvare e dai risk manager.

“Per gli analisti - fa notare Nagy - è facile esplorare ed elaborare i dati anche semplicemente utilizzando i tool di produttività individuale, ma i decision maker e i responsabili del risk management hanno bisogno di strumenti più intuitivi e di facile utilizzo, perché possano ricavare le informazioni di cui hanno bisogno in modo rapido e corretto”. Con l’implementazione di SAS Visual Analytics, ad esempio, il team di portfolio management è in grado di generare report nel giro di 10-20 secondi, attività che prima, invece, veniva svolta nell’arco di una giornata.

OTP Bank Hungary

Obiettivi

Integrare diverse tecniche e strumenti, inclusa la Social Network Analysis, che verifica il comportamento e l’attendibilità dei clienti su diversi canali e sistemi per prevenire potenziali attività fraudolente all’origine del credito.

Soluzioni

Zoltan Zsolt Nagy, OTP Bank Hungary
Zoltan Zsolt Nagy, OTP Bank Hungary
Single blank pixel
Grazie a SAS Visual Analytics le informazioni risultanti dall'analisi dei dati multi-source vengono messe velocemente a disposizione dei decision makers a supporto del processo di approvazione del prestito.

Articolo tratto da

itasascom Magazine - Digital Edition

2 / 2015

The results illustrated in this article are specific to the particular situations, business models, data input, and computing environments described herein. Each SAS customer’s experience is unique based on business and technical variables and all statements must be considered non-typical. Actual savings, results, and performance characteristics will vary depending on individual customer configurations and conditions. SAS does not guarantee or represent that every customer will achieve similar results. The only warranties for SAS products and services are those that are set forth in the express warranty statements in the written agreement for such products and services. Nothing herein should be construed as constituting an additional warranty. Customers have shared their successes with SAS as part of an agreed-upon contractual exchange or project success summarization following a successful implementation of SAS software. Brand and product names are trademarks of their respective companies. Per questo articolo: Copyright © SAS Institute Inc. All Rights Reserved. L'articolo non è riproducibile senza il suo consenso.

Back to Top