Referenze / Referenze

SAS Institute srl.
Via Darwin 20/22
20143 Milano
Italia
>Tel 02 831 341 r.a.
Fax 02 581 136 40
www.sas.com/italy/success

Referenze

Printer-FriendlyPrinter-Friendly

Referenze

 

Firenze punta sulla Business Intelligence

Un efficiente lavoro di suddivisione in zone viene oggi svolto dall'ufficio comunale di Statistica del Comune grazie alla soluzione SAS-Esri. La conoscenza di dati e metadati è approfondita e l'ente può utilizzare programmi dell'Istat.

L'Ufficio Comunale di Statistica del Comune di Firenze – come similarmente accade nelle altre realtà italiane - ha un ruolo di primo piano nella costruzione del Sistema Informativo Territoriale comunale, sia perché è il titolare della numerazione civica, sia perché la domanda di dati ed elaborazioni statistiche legati al territorio assume un'importanza crescente nell'attività di programmazione e gestione dei servizi comunali.

Per chi lavora nel mondo della statistica, un fornitore come SAS, racconta Riccardo Innocenti, Dirigente Statistica del Comune di Firenze: "Rappresenta un punto di riferimento nell'ambito dei package statistici". Da qui nasce il rapporto tra l'ente e l'azienda specializzata in Business Intelligence, per l'utilizzo di una soluzione in grado di efficientare la gestione dei dati in uso al Dipartimento di Statistica. "Per un Comune che vuole sviluppare la propria funzione statistica come indispensabile supporto per le proprie decisioni – prosegue il dirigente - è indispensabile dotarsi di uno strumento potente, anche perché è sicuramente il pacchetto più utilizzato dai nostri interlocutori privilegiati in ambiente accademico e in Istat".

L'Ufficio Comunale di Statistica utilizzava già prodotti Esri per la propria attività e quindi è sembrato opportuno, nel momento della scelta di acquisire anche SAS, optare anche per l'acquisto di SAS Bridge for Esri per lo sviluppo delle statistiche territoriali".

La soluzione mette a disposizione funzionalità di intelligence geospaziale. SAS ed Esri consentono alle amministrazioni di applicare la tecnologia più avanzata per risolvere problemi che considerino l'impatto dei rapporti geospaziali parte del processo di creazione di intelligence. E' così possibile combinare vari livelli informativi su un determinato luogo, per migliorarne la conoscenza. La scelta dei livelli informativi combinati dipende dalla finalità, per esempio trovare la migliore ubicazione per una nuova struttura, analisi del rischio, gestione degli asset, analisi e tracking degli incidenti ecc.

Nella decisione di acquisto, e nella valutazione di ulteriori possibili acquisizioni, sono stati coinvolti sia la Direzione Sistemi Informativi (che si occupa per l'intera Amministrazione Comunale delle reti, dei siti, delle forniture hardware e software, della gestione della grandi banche dati amministrative), sia il costituendo ufficio del Sistema Informativo Territoriale. Attualmente l'utilizzo di SAS è limitato all'ufficio comunale di Statistica, anche perché lo sviluppo del SIT comunale ha subito una svolta decisiva solo da pochi mesi. Non è quindi ancora nata l'esigenza in altri uffici di disporre di questo strumento. "Probabilmente – prosegue Innocenti – fa anche parte della sensibilità professionale dell'ufficio Statistico attribuire una così elevata importanza alle statistiche e ai report; altri uffici, chiamati a svolgere altri compiti, magari si 'accontentano' di uno strumento quale Excel, se non viene proposta loro un'alternativa. Nella nostra realtà, invece, la distinzione tra dati e metadati è ben presente e tenuta in forte considerazione".

Fino a questo momento la soluzione SAS è stata utilizzata soprattutto per la gestione delle indagini statistiche condotte dall'ufficio in tutti gli aspetti statistici, dalla estrazione dei campioni alle stime. L'Ufficio Comunale di Statistica userà sempre più SAS per le proprie attività, ma al momento non è ipotizzabile un utilizzo diverso da quello statistico da parte di altri uffici. "Sviluppi futuri, per esempio nell'ambito della bonifica e della normalizzazione delle banche dati, potrebbero essere di interesse dell'amministrazione comunale, ma è ancora prematuro parlarne", conclude Innocenti.

Ogni angolo ai raggi X
L'obiettivo principale che vede coinvolto l'Ufficio Comunale di Statistica insieme al Dipartimento di Statistica dell'Università di Firenze, riguarda la zonizzazione della città in aree statistiche significative. In altri termini, spiega il dirigente: "Vogliamo individuare una partizione della città che tenga conto dei principali limiti fisici e amministrativi e che sia più fine della suddivisione delle cinque circoscrizioni o delle ventotto UTOE, ossia le Unità Territoriali Omogenee Elementari, utilizzate ai fini della programmazione urbanistica". L'individuazione delle zone avverrà principalmente applicando modelli statistico matematici alimentati da variabili e indicatori riferiti alle sezioni di censimento (unità elementare di analisi ed elaborazione) tratti da grandi banche dati di tipo 'universale': anagrafe della popolazione, anagrafe tributaria, catasto edilizio, Archivio statistico imprese attive. Anche se il progetto è implementato da pochissimi mesi, i primi risultati sono stati presentati alla conferenza nazionale di statistica del novembre scorso, al convegno SIS di Venezia ed è plausibile che entro la fine dell'anno si possa disporre dei risultati definitivi.

Le motivazioni di una scelta
Al momento non sono ancora disponibili i risultati che il Comune ha ottenuto grazie all'utilizzo della soluzione SAS-Esri. Sicuramente, però, ci sono alcune aspettative molto forti, che qui il dirigente enuclea: "L'acquisto di una soluzione di questo genere è avvenuto in quanto intendevano mettere mano ad alcuni processi core. Innanzitutto desideravamo effettuare un lavoro che ci consentisse una migliore lettura della città, più fine ed efficiente. Ci attendiamo che la quantità di lavoro messa in campo per ottenere questo risultato sia minore rispetto a quanto avveniva in precedenza".

Ma può un progetto del genere impattare positivamente anche sui cittadini? Non in prima istanza, probabilmente, ma di riflesso sì. "Ovviamente il referente è anche il cittadino. Come detto, SAS ed Esri ci consentono di utilizzare alcuni programmi dell'Istat e dell'Ufficio Statistico Nazionale. Questo eleva la qualità del nostro lavoro, peraltro a disposizione di chi desidera consultarlo, attraverso la pubblicazione 'Statistica per la città'.

Articolo di Elena Giordano tratto da PubblicA, luglio 2007.
© Copyright dell'editore. L'articolo non è riproducibile senza il suo consenso. 

Copyright © SAS Institute Inc. All Rights Reserved.

Comune di Firenze

Esigenza di Business:
Uno strumento di supporto alle decisioni capace di rendere più efficiente la gestione dei dati in uso al Dipartimento di Statistica comunale.
Soluzione:
La soluzione SAS Bridge for Esri mette a disposizione funzionalità di intelligence geospaziale per migliorare la conoscenza di ogni singola area cittadina e definire le attività da intraprendere in modo dettagliato.

L'acquisto di una soluzione di questo genere è avvenuto in quanto intendevano mettere mano ad alcuni processi core. Innanzitutto desideravamo effettuare un lavoro che ci consentisse una migliore lettura della città, più fine ed efficiente.

Riccardo Innocenti

Dirigente Statistica del Comune di Firenze