Referenze / Referenze

SAS Institute srl.
Via Darwin 20/22
20143 Milano
Italia
>Tel 02 831 341 r.a.
Fax 02 581 136 40
www.sas.com/italy/success

Referenze

Printer-FriendlyPrinter-Friendly

Referenze

 

Business Intelligence per la governance della sanità

Il crescente interesse per i sistemi di Business Intelligence manifestato dalle aziende sanitarie locali, e in generale dagli enti di governo della pubblica amministrazione, trova la sua principale ragion d'essere nell'evoluzione dello scenario in cui si trovano ad operare. Uno scenario che è oggi dominato dalla necessità di conciliare requisiti apparentemente contradditori: da un lato, rispettare vincoli di bilancio sempre più stringenti e, dall'altro, massimizzare la qualità dei servizi ai cittadini.

I sistemi di analisi, di simulazione e di reporting diventano così insostituibili leve di governance per bilanciare la domanda e l'offerta di prestazioni sanitarie e massimizzarne l'appropriatezza. È la strategia intrapresa dalla Asl di Lecco che, in collaborazione con SAS, si è da tempo dotata di un cruscotto direzionale volto a monitorare, tramite opportuni indicatori, i fenomeni socio-sanitari e i flussi di spesa.

Piena visibilità sulle variabili di sistema
"Il sistema – spiega Veronica Monaci, Responsabile Servizio Sistema Informativo Asl di Lecco – offre al management la possibilità di acquisire, in modo dinamico e flessibile, una visione completa di tutte le variabili correlate con la governance della sanità: dall'appropriatezza delle prestazioni erogate all'analisi dei tempi di attesa, dalle dinamiche della domanda relativa a specifiche prestazioni all'esame delle situazioni di comorbilità, relative cioè a eventuali pluripatologie degli assistiti".

La flessibilità e la scalabilità del sistema, che insiste su un datawarehouse centralizzato in cui vengono acquisiti, normalizzati e integrati i dati provenienti dalle fonti alimentanti, si sono rivelati fattori decisivi per la sua capacità di evolvere e di soddisfare i bisogni che via via emergono dal contesto aziendale. Ne è prova la recente integrazione di una soluzione aggiuntiva che è destinata a valutare il profilo prescrittivo dei singoli attori (come i medici generici e i pediatri di libera scelta) in rapporto alle diverse tipologie di farmaco.

Analizzare il profilo prescrittivo dei singoli attori
In base a un set predefinito di indicatori relativi ai soggetti prescrittori (ad esempio, la spesa totale attribuita, la spesa prescritta ai propri e ad altri assistiti, la spesa prescritta su indicazione del medico specialista), la soluzione valuta la dinamica di spesa, la confronta con la media e, in presenza di eventuali scostamenti significativi, produce un report con le informazioni salienti: il dettaglio delle ricette farmaceutiche e degli indicatori di spesa, i dati sulle patologie degli assistiti, le caratteristiche (descrizione, quantità, costi, ecc.) delle prestazioni erogate di tipo farmaceutico, ambulatoriale e ospedaliero.

Come sottolinea Veronica Monaci, "la procedura ci fornisce in modo automatico tutti gli elementi per ricostruire la situazione prescrittiva dei singoli attori. In questo modo il management è in grado da un lato di valutare le necessità prescrittive correlate con lo specifico carico assistenziale e dall'altro di individuare rapidamente, a fini epidemiologici, gli assistiti che sono portatori di importanti patologie, come i trapiantati o i neoplasici".

Copyright © SAS Institute Inc. All Rights Reserved.

ASL Lecco

Esigenza di Business:
Bilanciare la domanda e l'offerta di prestazioni sanitarie e massimizzarne l'appropriatezza. 
Soluzione:
ASL di Lecco si è dotata di cruscotto direzionale volto a monitorare, tramite opportuni indicatori, i fenomeni socio-sanitari e i flussi di spesa.

Il sistema offre al management la possibilità di acquisire, in modo dinamico e flessibile, una visione completa di tutte le variabili correlate con la governance della sanità: dall'appropriatezza delle prestazioni erogate all'analisi dei tempi di attesa, dalle dinamiche della domanda relativa a specifiche prestazioni all'esame delle situazioni di comorbilità, relative cioè a eventuali pluripatologie degli assistiti.