Referenze / Referenze

SAS Institute srl.
Via Darwin 20/22
20143 Milano
Italia
>Tel 02 831 341 r.a.
Fax 02 581 136 40
www.sas.com/italy/success

Referenze

Printer-FriendlyPrinter-Friendly

Referenze

 

In prima linea nella ricerca contro il cancro

Costituita nel 1965 per la lungimirante volontà di alcuni ricercatori dell'Istituto dei Tumori, tra cui Umberto Veronesi e Giuseppe Della Porta, e con l'apporto finanziario di esponenti di spicco della comunità milanese, l'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) ha svolto nel corso degli anni un insostituibile ruolo di stimolo e di promozione nel campo della ricerca scientifica oncologica.

Alessandro Pizzoccaro 
Niccolò Contucci

In linea con i principi statutari, che sono quelli di sostenere i progetti di ricerca, perfezionare le conoscenze dei giovani ricercatori e sensibilizzare il grande pubblico, l'Associazione, che conta oggi quasi un milione e 500mila soci attivi, ha finanziato in 45 anni di attività progetti per oltre 660 milioni di euro e ha distribuito oltre 33 milioni in borse di studio per la formazione dei giovani ricercatori.

E non è certo un caso, come osserva Niccolò Contucci, Direttore Generale di AIRC, se l'Italia "si colloca oggi al terzo posto in Europa nella produzione scientifica in campo oncologico per numero e per qualità delle pubblicazioni, e detiene un ruolo di assoluta avanguardia in alcuni settori della ricerca".

Raccolta fondi per finanziare la ricerca scientifica
Per sostenere questo rilevante impegno finanziario, l'Associazione svolge un'intensa attività di raccolta fondi nei confronti sia dei soci attivi, sia dei cittadini (e sono oltre 4 milioni a tutt'oggi) che decidono di sostenere la ricerca scientifica in modo discontinuo, ma non per questo meno generoso o meno rilevante economicamente. "I due grandi poli della nostra attività di raccolta fondi – spiega Niccolò Contucci – sono da un lato il marketing diretto postale, con cui cerchiamo di intrattenere un rapporto costante e duraturo con i nostri soci e sostenitori, e dall'altro gli eventi e le azioni sul territorio. E mi basti citare, come esempio, la giornata delle "arance della salute" e de "l'azalea della Ricerca", che tutti conoscono, e le innumerevoli iniziative promosse dai nostri 17 comitati regionali in tutte le città italiane."

Un impegno straordinario che vale la pena di celebrare
I risultati delle iniziative e delle azioni di comunicazione vanno ad alimentare l'archivio dei donatori e dei sostenitori. "Più che un database – tiene a precisare Niccolò Contucci – è una grande comunità di persone, che manifesta un'adesione forte, viscerale e partecipata. E si pensi solo che una grossa fetta di donatori ci sostiene continuativamente da oltre 15 anni. Si tratta di un movimento popolare diffuso e di un impegno straordinario che vale la pena di celebrare." Com'è evidente, intrattenere una relazione continuativa con milioni di associati e di donatori non è impresa di poco conto, in termini di energie lavorative e di risorse finanziarie. Da qui l'esigenza di una soluzione capace da un lato di manutenere l'archivio esistente, secondo gli adempimenti di legge, e dall'altro di produrre estrazioni mirate e di automatizzare la gestione delle campagne di comunicazione.

Estrazioni mirate per differenziare le comunicazioni
Grazie a SAS, disponiamo ora di uno strumento sofisticato che in primo luogo ci fornisce una visibilità di dettaglio sull'archivio dei sostenitori e sulle loro caratteristiche comportamentali, come l'interesse manifestato, la propensione a sostenerci, l'entità o la periodicità delle donazioni. E in secondo luogo, proprio a partire da questi indicatori chiave, ci permette di effettuare estrazioni mirate di sostenitori cui inviare comunicazioni personalizzate, evitando spedizioni massive, e per ciò stesso più generiche e costose."

Meno spese e più ritorni = più fondi per la ricerca
Giunta ormai alla conclusione della fase di test, la nuova soluzione sta via via soppiantando i metodi tradizionali di gestione delle campagne, con evidenti benefici. "Sul piano per così dire relazionale – sottolinea Niccolò Contucci – la capacità di differenziare le comunicazioni ai soci e ai donatori in base agli interessi, alle caratteristiche e alle propensioni contribuisce a potenziare l'efficacia del messaggio e a rinsaldare il rapporto con l'Associazione. In altre parole, se i nostri sostenitori ricevono le informazioni cui sono realmente interessati, sono più soddisfatti e meglio disposti a sostenerci. Sul piano economico, la soluzione SAS ci permette di realizzare risparmi sostanziali e di aumentare i ritorni delle azioni, perché le spedizioni vengono effettuate su target estremamente mirati che hanno la migliore probabilità di risposta. Risparmiare sui costi e migliorare la resa significa in definitiva avere più risorse finanziarie da dedicare alla nostra missione prioritaria: far avanzare la ricerca scientifica nel campo della prevenzione, diagnosi e terapia del cancro."

SAS: un esempio da seguire di Responsabilità Sociale d'Impresa

''In questi ultimi anni – sostiene Niccolò Contucci, Direttore Generale di Airc – il tema della Responsabilità Sociale di Impresa è stato oggetto di commenti, dibattiti e convegni.

Si registra ormai un consenso unanime sul fatto che la buona impresa si misura non soltanto sugli utili che riesce a produrre, ma anche sulle opportunità di crescita e di benessere che è in grado di offrire alla propria comunità. L'esempio di SAS dimostra chiaramente che cosa si debba intendere per Responsabilità Sociale e come le buone intenzioni possono tradursi in azione concreta.

È il caso di una grande impresa internazionale che ha deciso spontaneamente, senza essere sollecitata, di sostenere la ricerca sul cancro abilitando con uno strumento di altissimo livello tecnologico coloro che finanziano e promuovono quotidianamente questa ricerca. È un impegno che si è protratto nell'arco di parecchi mesi, con il coinvolgimento di risorse professionali e finanziarie ingenti. Un impegno che ci permetterà di realizzare economie ccnsiderevoli nella raccolta di fondi, migliorare la resa delle nostre azioni e incrementare le risorse da destinare alla lotta contro il cancro''.

Testimonianza tratta da itasascom (2/2011) - la rivista di fatti, informazioni e cultura del mondo SAS.
© Copyright dell'editore. L'articolo non è riproducibile senza il suo consenso. 

Copyright © SAS Institute Inc. All Rights Reserved.

Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro

Esigenza di Business:
Una soluzione capace di manutenere l'archivio esistente dei donatori secondo gli adempimenti di legge e di produrre al contempo estrazioni mirate e e di automatizzare la gestione delle campagne di comunicazione.
Soluzione:
Con le soluzioni SAS di campaign management, AIRC è in grado di differenziare le comunicazioni ai soci e ai donatori in base agli interessi, alle caratteristiche e alle propensioni. Contribuisce a potenziare l'efficacia del messaggio e a rinsaldare il rapporto con l'Associazione.

Grazie a SAS, disponiamo ora di uno strumento sofisticato che in primo luogo ci fornisce una visibilità di dettaglio sull'archivio dei sostenitori e sulle loro caratteristiche comportamentali, come l'interesse manifestato, la propensione a sostenerci, l'entità o la periodicità delle donazioni. E in secondo luogo, proprio a partire da questi indicatori chiave, ci permette di effettuare estrazioni mirate di sostenitori cui inviare comunicazioni personalizzate, evitando spedizioni massive, e per ciò stesso più generiche e costose.

Niccolò Contucci

Direttore Generale di AIRC

Read more: